#Ablazione transcatetere

Squadra che non vince si cambia: quando l’amiodarone non è sufficiente…

L’impianto dell’ICD nei pazienti sopravvissuti ad un infarto miocardico con funzione sistolica depressa è la strategia di prima scelta per la prevenzione primaria della morte cardiaca improvvisa. Tuttavia, alcuni pazienti possono presentare tachicardie ventricolari ricorrenti nonostante una terapia antiaritmica. Lo studio VANISH, pubblicato sul New England Journal of Medicine, valuta l’efficacia dell’ablazione mediante catetere rispetto al solo potenziamento della terapia antiaritmica in pazienti con episodi ricorrenti di tachicardia ventricolare portatori di ICD.

Leggi

Ultimi articoli

Potenziamento della telemedicina per fronteggiare l’emergenza COVID-2019

Il Governo ha presentato un emendamento finalizzato a estendere le previsioni già contenute nell'articolo 75 del decreto "Cura Italia".

Leggi

COVID-19, la testimonianza degli Ospedali Riuniti di Ancona

Dall'incertezza iniziale alla crescente consapevolezza. Il racconto da uno dei centri trovatisi da subito al centro dell'emergenza COVID-19.

Leggi

Guida per gli elettrofisiologi durante la pandemia COVID-19: il documento dell’Heart Rhythm Society

È stato pubblicato un documento HRS/ACC/AHA che identifica i potenziali rischi di contagio per i pazienti, il personale sanitario e tutti gli operatori impegnati nel campo dell’elettrofisiologia.

Leggi