#giovani elettrofisiologi

Gli auguri dei Presidenti del grande evento del 2017

Intervista video a Giuseppe Boriani, Presidente AIAC nazionale, Presidente XIV Congresso AIAC, Ospedale di Modena, e a Renato Ricci, Presidente del Comitato scientifico XIV Congresso AIAC, UOC Cardiologia, Ospedale San Filippo Neri, Roma. Nell'augurare un felice anno nuovo, Giuseppe Boriani e Renato Ricci ricordano un appuntamento importante del 2017: il XIV Congresso nazionale AIAC, a Bologna dal 23 al 25 marzo. Un intenso programma di incontri e dibattiti che non deluderà le aspettative dei soci e amici dell'AIAC.

Leggi

Young Electrophysiologists a Cardiostim 2016

I giovani elettrofisiologi, con meno di 40 anni, hanno tempo fino al 14 gennaio 2016 per sottomettere al comitato EHRA casi clinici o pubblicazioni. I lavori selezionati verranno presentati in due sessioni EHRA Young Electrophysiologist del prossimo congresso Cardiostim EHRA Europace in programma tra l’8 e l’11 giugno 2016 a Nizza.

Leggi

Una rete europea di giovani elettrofisiologi

Al congresso Cardiostim/EHRA Europace 2914 che si è tenuto a giugno a Nizza, si sono svolti degli incontri tra i giovani elettrofisiologi dell’EHRA. Si è ribadita la necessità di utilizzare i mezzi tecnologici attualmente a nostra disposizione per creare una rete di comunicazione tra i giovani elettrofisiologi europei.

Leggi

Ultimi articoli

La nuova survey AIAC sulla gestione delle recidive post-ablazione di FA. Partecipa!

La nuova survey AIAC, "Gestione delle recidive post-ablazione di fibrillazione atriale", è online.

Leggi

Pandemia COVID-19 e impianto di pacemaker in urgenza

Uno studio sul numero di impianti urgenti di pacemaker in Veneto durante le settimane precedenti e successive al propagarsi del COVID-19 e durante il corrispondente periodo del 2019.

Leggi

Il pacing nella sincope vasovagale: storia di una sfida mai vinta

La storia del pacing nella sincope vasovagale, da quando l’osservazione che alcuni pazienti con sincopi vasovagali recidivanti presentavano una risposta cardionibitoria al tilt test suggerì che questi pazienti potessero beneficiare dell’impianto di un pacemaker.

Leggi