#ICD subcutaneo

S-ICD vs TV-ICD: sicurezza ed efficacia a lungo termine

Secondo le linee guida correnti della Società Europea di Cardiologia (1), l’impianto del defibrillatore sottocutaneo è indicato in classe IIa nei pazienti che non necessitano di pacing anti-bradicardia, terapia di resincronizzazione cardiaca e pacing anti-tachicardia ed in classe IIb nei pazienti giovani, in caso di accesso venoso difficoltoso o come sostituto di un ICD transvenoso in seguito ad infezioni del sistema. Uno studio recente, pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, ha valutato gli outcome a lungo termine in due popolazioni omogenee di pazienti sottoposti ad impianto di ICD transvenoso o sottocutaneo.

Leggi

Ultimi articoli

Studio Light-AF: outcome a lungo termine di ablazione transcatetere di FA con pallone laser II generazione

In occasione del XVII Congresso nazionale dell'AIAC, Marco Schiavone - Ospedale Luigi Sacco - Polo Universitario, Milano - descrive lo studio che gli è valso il Premio Andrea Puglisi.

Leggi

AIAC dà il benvenuto ai nuovi fellow dell’Associazione

Anche quest’anno, come di consueto in occasione del 17° Congresso Nazionale AIAC, sono stati proclamati i nuovi Fellow…

Leggi

Ablazione con alta potenza e breve durata per l’isolamento delle vene polmonari

In occasione del XVII Congresso nazionale dell'AIAC, Vincenzo Schillaci - Casa di Cura Montevergine di Mercogliano (Avellino) - descrive lo studio che gli è valso il Premio Giuseppe Maccabelli.

Leggi