#ICD transvenoso

S-ICD vs TV-ICD: sicurezza ed efficacia a lungo termine

Secondo le linee guida correnti della Società Europea di Cardiologia (1), l’impianto del defibrillatore sottocutaneo è indicato in classe IIa nei pazienti che non necessitano di pacing anti-bradicardia, terapia di resincronizzazione cardiaca e pacing anti-tachicardia ed in classe IIb nei pazienti giovani, in caso di accesso venoso difficoltoso o come sostituto di un ICD transvenoso in seguito ad infezioni del sistema. Uno studio recente, pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, ha valutato gli outcome a lungo termine in due popolazioni omogenee di pazienti sottoposti ad impianto di ICD transvenoso o sottocutaneo.

Leggi

Ultimi articoli

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi

Elezioni del nuovo Consiglio Direttivo Nazionale e del Presidente Eletto

In occasione del prossimo Congresso Nazionale AIAC, previsto per il 18-19-20 settembre 2024, verranno presentati il nuovo…

Leggi