#infarto del miocardio

Squadra che non vince si cambia: quando l’amiodarone non è sufficiente…

L’impianto dell’ICD nei pazienti sopravvissuti ad un infarto miocardico con funzione sistolica depressa è la strategia di prima scelta per la prevenzione primaria della morte cardiaca improvvisa. Tuttavia, alcuni pazienti possono presentare tachicardie ventricolari ricorrenti nonostante una terapia antiaritmica. Lo studio VANISH, pubblicato sul New England Journal of Medicine, valuta l’efficacia dell’ablazione mediante catetere rispetto al solo potenziamento della terapia antiaritmica in pazienti con episodi ricorrenti di tachicardia ventricolare portatori di ICD.

Leggi

Ultimi articoli

Responsabilità Professionale

Responsabilità medica e assicurativa: che cosa è Come i colleghi sanno il contenzioso medico legale è in progressivo…

Leggi

Modulo Regolamento Privacy per i singoli medici che svolgono attività libero-professionale intramoenia o extramoenia

Il GDPR (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati) entrato in vigore dal 25 maggio 2018 impone nuovi adempimenti normativi…

Leggi

AIAC Academy

Il progetto formativo denominato AIAC ACADEMY è finalizzato alla formazione continua e al training…

Leggi