#morte improvvisa da sport

L'AIAC sui media

Su Doctor33, il commento del Presidente dell'AIAC, Gianluca Botto, sull'obbligo degli impianti sportivi di dotarsi di defibrillatori semiautomatici. "È fuori discussione che negli impianti sportivi ci dovrebbe essere un defibrillatore. Il costo di un defibrillatore è compreso tra i 700 e i 1200 euro, una quota di cui una società sportiva in linea di massima dispone. I problemi semmai sono sul piano della responsabilità che inevitabilmente preoccupa. Ma una vita è sempre una vita".

Leggi

La morte improvvisa da sport

Prima la paura per Fabrice Muamba, centrocampista del Bolton colpito da infarto sul campo. Poi la morte di Vigor Bovolenta, grande pallavolista ex azzurro. Sono morti evitabili? Lo screening cardiovascolare è costo-efficace? Intervista a Pietro Delise dell'Unità Operativa di Cardiologia ULSS 7 Veneto di Conegliano (TV). https://youtu.be/u4XFWqwxKV4 27 marzo 2012

Leggi

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi