AIAC Ricerca

AIAC Ricerca è un marchio di proprietà dell’AIAC che contraddistingue le iniziative di ordine scientifico, culturale ed organizzativo intraprese dall’Associazione.  Costituisce l’organo associativo deputato alla proposta di temi di ricerca, alla verifica e al controllo della qualità della produzione tecnico-scientifica in conformità agli scopi istituzionali dell’Associazione e alle indicazioni del Consiglio Direttivo Nazionale.

E’ composto da un Direttore nominato dal Consiglio Direttivo Nazionale e da un numero massimo di 7 membri proposti dal Direttore di AIAC Ricerca nominati anch’essi dal Consiglio Direttivo Nazionale.

Direttore:

Professor Giuseppe Boriani
Struttura Complessa di Cardiologia, AOU Policlinico di Modena,  Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Modena

Membri:

Dott. Antonio D’Onofrio
Unità Operativa Struttura Dipartimentale Aritmologia, A.O.R.N. dei Colli, Ospedale V. Monaldi, Napoli

Dott. Pietro Palmisano
Unità Operativa Complessa di Cardiologia, Azienda Ospedaliera Card. G. Panico, Tricase (LE)

Dott. Marco Proietti
Dipartimento di Scienze Cliniche e di Comunità, Università degli Studi di Milano, Milano

Dott. Massimo Zecchin
Unità Operativa di Cardiologia, Azienda Sanitaria Universitaria Integrata, Trieste

Ultimi articoli

Partecipa alla nuova survey AIAC sulla CRT

La survey "Terapia di resincronizzazione cardiaca: selezione del paziente, programmazione della procedura e tecnica di impianto" è proposta dall’Area AIAC dedicata alla CRT.

Leggi

Focus On AIAC sulla sleep apnea. Online le slide dei relatori

È ora possibile accedere a una selezione delle diapositive presentate nel corso dei tre seminari Focus on AIAC sulla sleep apnea, tenutosi nel mese di gennaio a Bologna, Napoli e Reggio Calabria.

Leggi

Gli albori della profilassi tromboembolica nella fibrillazione atriale

Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta l’efficacia e la sicurezza della terapia anticoagulante orale nella fibrillazione atriale non erano ancora noti. Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine nel 1990 è stato uno dei primi a dimostrarne l'efficacia. Un articolo di Pietro Palmisano.

Leggi