Conacuore onlus

L’acronimo Conacuore significa Coordinamento nazionale delle associazioni del cuore. È un’organizzazione onlus nata a Modena nel 1998-99 che attualmente riunisce oltre centotrenta associazioni di volontariato impegnate nella lotta alle malattie cardiovascolari, da Aosta a Siracusa.

Le mission fondanti del Conacuore sono tre:

  1. la prevenzione delle malattie cardiovascolari, ad iniziare da quella primaria sul territorio,
    così da rendere concreta l’espressione “meglio prevenire che curare”;
  2. la migliore cura allo stato dell’arte, così da evitare recidive;
  3. la promozione della ricerca di specie per l’innovazione.

Il tutto nella cornice di rapporti costanti con società scientifiche e fondazioni di settore, oltre che con le istituzioni variamente articolate. Ciò ha consentito, tra l’altro, anche il varo di importanti normative a salvaguardia della sicurezza, della salute e della vita di giovani e meno giovani.

Giovanni Spinella
Presidente Conacuore onlus

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi