Sondaggi

Esposizione radiologica durante procedure interventistiche di elettrofisiologia/elettrostimolazione

L’Area “Raggi Zero” dell’AIAC desidera promuovere un questionario rivolto a sondare la sensibilità dei Centri italiani nei confronti della esposizione radiologica durante procedure interventistiche di elettrofisiologia/elettrostimolazione. Con tale indagine si intende fornire  un quadro attuale relativo all’applicazione durante le procedure di elettrofisiologia/elettrostimolazione dell’insieme di accorgimenti finalizzati all’impiego minimo di radiazioni possibile per quel contesto clinico (secondo il principio ALARA, “As Low As Reasonably Achievable”) e che comprendono il personale e specifico background culturale,  l’ottimizzazione nell’uso delle apparecchiature radiologiche e il ricorso a tecnologie alternative (principalmente i sistemi di mappaggio).

Guarda l’intervista a Maurizio Del Greco

Il questionario è individuale, in quanto si ritiene che l’utilizzo di radiazioni ionizzanti dipenda dal singolo operatore e nello stesso centro operatori diversi possono avere comportamenti e sensibilità diversa per quanto riguarda questo particolare argomento. Il questionario richiede qualche minuto per essere completato, necessariamente in ogni sua parte per avere dati completi che possano essere di reale utilità. Prima di iniziare il questionario ti chiediamo un ulteriore impegno per completare le ultime 4 domande: dovresti raccogliere in modo retrospettivo e fare la media dei minuti di fluoroscopia e della dose erogata delle ultime tre procedure da te eseguite ablazione fibrillazione atriale, tachicardia da rientro nodale e flutter atriale tipico. Puoi completare il questionario anche senza questi dati, ma questi, utilizzati in modo assolutamente anonimo, saranno di fondamentale importanza per avere un quadro realistico in Italia, da comparare con i dati europei ed internazionali.

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi