Chi era Andrea Puglisi

Vera innovazione tecnologica è quella che ci permette di rispondere a quesiti irrisolti che la medicina ci pone e di usare queste risposte per una migliore cura dei nostri pazienti. Questa è una delle sfide più difficili in un mondo ad alta tecnologia e uno dei principali messaggi che Andrea Puglisi ci ha lasciato. Andrea è stato un pioniere dell’elettrofisiologia ed elettrostimolazione. Nei primi anni “settanta” ha subito intuito l’importanza della registrazione endocavitaria dei potenziali hisiani e ha cominciato a utilizzarla nel laboratorio di un piccolo ospedale della provincia di Roma. All’inizio degli anni “novanta” è stato tra i primissimi a comprendere il ruolo rivoluzionario della terapia di resincronizzazione cardiaca e ad applicarla in Italia. Nella sua storia professionale è sempre stato un riferimento per i giovani insegnando loro con l’esempio personale l’importanza della ricerca, dello studio continuo e del sacrificio personale, facendosi carico delle proprie responsabilità, accettando gli errori e facendone tesoro, senza mai rinunciare a spirito critico ed indipendenza intellettuale. In particolare, ha sempre utilizzato ogni risorsa offerta dalla scienza e dalla tecnologia al servizio dei pazienti.

Dal 2017 l’AIAC ha voluto ricordare Andrea Puglisi dedicando alla sua memoria un premio assegnato ai migliori contributi scientifici presentati al Cogresso Nazionale AIAC da giovani aritmologi.

Renato Pietro Ricci

Ultimi articoli

Esposizione radiologica, partecipa alla survey dell’Area Raggi Zero

L’Area Raggi Zero promuove un questionario rivolto a sondare la sensibilità dei Centri italiani nei confronti della esposizione radiologica durante procedure interventistiche di elettrofisiologia/elettrostimolazione.

Leggi

Protetto: S-ICD: bassi tassi di complicanze in pazienti con LVEF ≤35%

Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.

Leggi

Le aritmie del dopo Festival dello Sport

I progressi della Cardioaritmologia Sportiva ci rassicurano su una più valida prevenzione delle patologie aritmogene ad alto rischio di morte improvvisa. Il resoconto del Prof. Francesco Furlanello.

Leggi