Chi era Simone Reggiani

Simone Reggiani ci ha lasciato improvvisamente nell’aprile del 2014. Simone aveva 46 anni e ha da sempre operato nel settore dell’Elettrostimolazione, come dipendente e poi come agente di Vitatron e Medtronic nelle aree dell’Emilia Romagna e delle Marche. Scrupoloso, garbato, si è sempre dedicato anima e corpo al suo lavoro, facendosi carico delle esigenze di tutti, aiutando i medici, anche i più giovani, a risolvere i mille problemi della realtà quotidiana. Calmo, tranquillo, affrontava con razionalità ogni problema, peraltro sempre pronto a sdrammatizzare le situazioni più complesse con una battuta, sempre al momento giusto, mai fuori luogo. Ci ha lasciato durante un week-end, dopo essere stato nella giornata di venerdì a un convegno di aggiornamento ad affiancare, come sempre, i medici della sua area. Con Simone ci lascia una persona garbata, elegante, una brava persona.

Dal 2016 l’AIAC ha voluto ricordare Simone Reggiani dedicando alla sua memoria un premio assegnato ai migliori contributi scientifici presentati al Congresso Nazionale AIAC da giovani aritmologi.

Giuseppe Boriani

Ultimi articoli

Due anni di AIAC: il biennio 2018 – 2020

Un video per ripercorrere i momenti più significativi e sintetizza le iniziative più importanti portate avanti dall’Associazione negli ultimi due anni.

Leggi

COVID-19 e monitoraggio remoto: lacrime di coccodrillo o nuova opportunità?

Una lettera all’editore pubblicata sulla rivista Expert Review of Medical Devices ha affrontato il tema del monitoraggio remoto dopo la pandemia.

Leggi

Monitoraggio remoto della FA nei pazienti con scompenso portatori di device: lo studio REM-HF

Un'analisi dei risultati del più grande studio randomizzato sul ruolo del monitoraggio remoto nei pazienti con insufficienza cardiaca.

Leggi