Hands on Monitoraggio Remoto – edizione 2022-2023

Progetto di formazione per infermieri/tecnici sul controllo “in office” e controllo/monitoraggio remoto dei dispositivi impiantabili

Sono aperte le preiscrizioni per l’edizione 2022-2023 della FAD sincrona Hands on Monitoraggio Remoto.

Il corso è dedicato agli Infermieri e ai Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare che vogliano iniziare/perfezionare la loro formazione sul controllo in remoto ed in office dei dispositivi impiantabili.

Per la preiscrizione è sufficiente compilare il modulo online che trovate a questo link.

Il modulo comprende un breve questionario che consentirà ai Responsabili scientifici del corso di modulare il programma della FAD in base alle esigenze dei futuri discenti e di garantire un’elevata qualità della formazione erogata.

I criteri di selezione che verranno presi in considerazione per la partecipazione al corso saranno i seguenti:

  • socio AIAC (a parità di altri requisiti, saranno selezionati i candidati iscritti all’Associazione da più tempo);
  • operatività in ambulatorio di controllo dei dispositivi impiantabili e di attività di monitoraggio remoto dei pazienti;
  • distribuzione geografica (saranno assegnati 3-4 posti a regione, i posti non occupati verranno redistribuiti);
  • tempistica d’iscrizione (a parità di altri requisiti, saranno selezionati i candidati che avranno compilato prima la domanda di preiscrizione).

Eventuali preiscrizioni esuberanti i posti disponibili, entreranno in una lista prioritaria per la riedizione del 2023-2024.

Razionale del corso

Il corso ha l’obiettivo di formare personale infermieristico e tecnico alla gestione “in office” e da remoto (controllo/monitoraggio) dei dispositivi impiantabili e dei pazienti portatori di tali dispositivi: si focalizzerà in misura maggiore l’aspetto del “management” remoto dei devices e dei pazienti, ma affrontando anche le problematiche del controllo “in office”, avendo la prospettiva del “CIEDs Team” come delineato dal documento di consenso.

L’obiettivo della formazione è modificare nel prossimo futuro (3-5 anni) le modalità del controllo/monitoraggio dei pazienti portatori di dispositivi impiantabili, coinvolgendo “ufficialmente”, in misura sempre più attiva, personale non medico (infermieri e tecnici di cardiologia) nelle attività di controllo/monitoraggio, focalizzando i ruoli del medico in attività di “supervisione” e valutazione clinica e del personale delle ditte produttrici di dispositivi impiantabili con mansioni di consulenza per problematiche tecniche e di formazione in relazione alle innovazioni tecnologiche, modificando le attuali usuali modalità del controllo “in office”. In questa direzione è auspicabile che l’innovazione tecnologica fornisca strumenti adeguati (tecnicamente, relativamente alle normative sulla “privacy”, omogenei in relazione alla numerosità delle ditte, …) per strutturare consulenze tecniche “da remoto”.

Il percorso formativo è chiaramente “trasversale” alle varie ditte produttrici di dispositivi impiantabili, ma dovrà tenere conto delle caratteristiche particolari e a volte, esclusive di alcuni prodotti: le tematiche da affrontare potranno prevedere la focalizzazione su un particolare prodotto di una ditta ed un’analisi comparativa tra le caratteristiche di prodotti analoghi delle varie ditte.

Come già accennato la metodologia da utilizzare sarà “teorico-pratica”: oltre alla parte teorica verranno presentati dei casi clinici nei quali il controllo/monitoraggio remoto ha fornito informazioni utili sul paziente o ha evidenziato criticità o ha mostrato problemi nella programmazione del dispositivo, e la discussione sul caso clinico fornirà l’opportunità di analizzare le caratteristiche tecniche del dispositivo stesso, di fornire gli elementi per modulare la sua programmazione, di sottolineare le peculiarità della trasmissione da remoto (che variano da ditta a ditta e, a volte, da dispositivo a dispositivo …).

Ultimi articoli

Nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria

Giovedì 30 giugno 2022 alle ore 18.00 è previsto un nuovo appuntamento con l’Angolo dell’Editoria: ad essere presentato, il libro “Il blocco percutaneo del ganglio stellato a scopo antiaritmico. Una guida pratica” a cura di Simone Savastano.

Leggi

Verso AIAC 2022

Le novità del prossimo Congresso Nazionale dell’Associazione Il 18° Congresso Nazionale AIAC…

Leggi

Lesioni cerebrali rilevate dalla RMN e funzione cognitiva dopo ablazione di fibrillazione atriale: lo studio AXAFA-AFNET 5

Pubblicati su Circulation i risultati di un’analisi dello studio AXAFA-AFNET 5 che ha valutato la prevalenza di lesioni cerebrali ischemiche rilevate mediante RMN dopo una procedura di ablazione di fibrillazione atriale parossistica eseguita senza interrompere l’anticoagulante orale.

Leggi