Hands on Monitoraggio Remoto – edizione 2021-2022

Progetto di formazione per infermieri/tecnici sul controllo “in office” e controllo/monitoraggio remoto dei dispositivi impiantabili

Dal 27 ottobre 2021 al 25 maggio 2022 si svolgerà la seconda edizione del corso FAD promosso da AIAC “Hands on Monitoraggio Remoto”.
Il corso ha l’obiettivo di formare personale infermieristico e tecnico alla gestione “in office” e da remoto (controllo/monitoraggio) dei dispositivi impiantabili e dei pazienti portatori di tali dispositivi: si focalizzerà in misura maggiore l’aspetto del “management” remoto dei devices e dei pazienti, ma affrontando anche le problematiche del controllo “in office”, avendo la prospettiva del “CIEDs Team” come delineato dal documento di consenso.
L’obiettivo della formazione è modificare nel prossimo futuro (3-5 anni) le modalità del controllo/monitoraggio dei pazienti portatori di dispositivi impiantabili, coinvolgendo “ufficialmente”, in misura sempre più attiva, personale non medico (infermieri e tecnici di cardiologia) nelle attività di controllo/monitoraggio, focalizzando i ruoli del medico in attività di “supervisione” e valutazione clinica e del personale delle ditte produttrici di dispositivi impiantabili con mansioni di consulenza per problematiche tecniche e di formazione in relazione alle innovazioni tecnologiche, modificando le attuali usuali modalità del controllo “in office”. In questa direzione è auspicabile che l’innovazione tecnologica fornisca strumenti adeguati (tecnicamente, relativamente alle normative sulla “privacy”, omogenei in relazione alla numerosità delle ditte, …) per strutturare consulenze tecniche “da remoto”.
Il corso è a numero chiuso e coinvolgerà un totale di 42 partecipanti tra Infermieri e Tecnici di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare. I partecipanti all’edizione 2021-2022 del corso sono stati selezionati dai Presidenti Regionali AIAC. Il corso si articolerà in 14 incontri della durata di circa 1 ora e mezza, per un totale di 21 ore.

Razionale del corso

Il percorso formativo è chiaramente “trasversale” alle varie ditte produttrici di dispositivi impiantabili, ma dovrà tenere conto delle caratteristiche particolari e a volte, esclusive di alcuni prodotti: le tematiche da affrontare potranno prevedere la focalizzazione su un particolare prodotto di una ditta ed un’analisi comparativa tra le caratteristiche di prodotti analoghi delle varie ditte.
Come già accennato la metodologia da utilizzare sarà “teorico-pratica”: oltre alla parte teorica verranno presentati dei casi clinici nei quali il controllo/monitoraggio remoto ha fornito informazioni utili sul paziente o ha evidenziato criticità o ha mostrato problemi nella programmazione del dispositivo, e la discussione sul caso clinico fornirà l’opportunità di analizzare le caratteristiche tecniche del dispositivo stesso, di fornire gli elementi per modulare la sua programmazione, di sottolineare le peculiarità della trasmissione da remoto (che variano da ditta a ditta e, a volte, da dispositivo a dispositivo …).

Per il programma del corso clicca qui.

Ultimi articoli

Impatto della pandemia COVID-19 sull’uso del monitoraggio remoto in Italia: la survey AIAC

Sul Journal of Clinical Medicine sono stati pubblicati i risultati della survey AIAC sull'impatto della pandemia COVID-19 sulla diffusione del monitoraggio remoto dei dispositivi cardiaci impiantabili e della telecardiologia in Italia.

Leggi

ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione

Sono stati pubblicati su Pacing and Clinical Electrophysiology i risultati di un’esperienza multicentrica italiana sull'efficacia e la sicurezza di un ICD temporaneo esterno come terapia ponte nei pazienti sottoposti ad espianto di ICD per infezione.

Leggi

Gestione dell’esposizione radiologica in elettrofisiologia in Italia: la survey AIAC

I risultati di una survey a diffusione nazionale promossa dall’Area “Raggi Zero” dell’AIAC sulla gestione dell’esposizione radiologica in elettrofisiologia in Italia sono stati recentemente pubblicati sul Journal of Cardiovascular Medicine.

Leggi