Lo Studio No-Party

Michela Casella, MD, PhD, Centro Cardiologico Monzino, Milano

Nel 2015 l’American College of Cardiology, l’American Heart Association e  l’Heart Rhythm Society hanno pubblicato una versione aggiornata delle Linee Guida internazionali sul trattamento delle tachicardie parossistiche sopraventricolari (1). Nella sezione riguardante il mappaggio e l’ablazione di tali aritmie, per la prima volta, è stato inserito un paragrafo dedicato esclusivamente alle procedure effettuate con  minima esposizione radiologica. Una procedura a minima esposizione radiologica viene consigliata, o comunque è da prendere in considerazione, nei pazienti pediatrici e nelle donne in gravidanza.

In questo panorama di sempre maggior attenzione al rischio radiologico da parte della comunità scientifica cardiologica, si è distinto lo studio No-Party, recentemente pubblicato su Europace.

Lo studio No-Party (2) è uno studio multicentrico prospettico randomizzato effettuato interamente in Italia; infatti ha coinvolto 6 importanti centri italiani di elettrofisiologia. Sono stati randomizzati 262 pazienti affetti da TPSV a effettuare una procedura con approccio tradizionale, con solo guida fluoroscopica, o una procedura a fluoroscopia ridotta utilizzando il sistema di mappaggio tridimensionale EnSite-NavX. I risultati dello studio hanno confermato, come già avevano fatto gli studi di fattibilità pubblicati fino ad ora, che i due approcci sono completamente sovrapponibili in termini di successo, di tempi procedurali e di complicanze.

Una differenza altamente significativa tra i due gruppi è stata invece evidenziata nell’utilizzo della fluoroscopia; nel gruppo a esposizione radiologica ridotta, ben il 72% delle procedure è stata effettuata completamente senza utilizzo dei raggi X e, quando i raggi sono stati utilizzati, il tempo di fluoroscopia media è stato comunque inferiore a 2 minuti. Rispetto ad altri lavori presenti in letteratura, lo studio No-Party non si è limitato a riportare i dati di fluoroscopia ma ha calcolato, mediante la simulazione Monte Carlo, la dose effettiva a cui sono stati esposti i singoli pazienti. La Fisica Sanitaria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore ha quindi analizzato tali dati e ha estrapolato e quantificato il rischio di sviluppare una patologia tumorale associata alla quantità di raggi a cui il paziente era stato esposto durante la procedura elettrofisiologica. Lo studio ha dimostrato che la riduzione di fluoroscopia ha determinato una riduzione del rischio associato tumorale di circa il 96% nei paziente sottoposti a procedura a fluoroscopia ridotta rispetto al gruppo di paziente sottoposti a una procedura tradizionale.

Grazie alla collaborazione con il dottor Fattore, esperto di Economia Sanitaria presso l’Università Bocconi, è stata poi fatta una analisi che ha confrontato la spesa sanitaria relativa alla cura di una patologia tumorale e invece la spesa aggiuntiva del sistema di mappaggio EnSite-NavX utilizzato nelle procedure ablative. Nella popolazione dello studio No-Party, tali spese sono risultate pressochè sovrapponibili, rendendo quindi la procedura a fluoroscopia ridotta economicamente sostenibile.

Infine lo studio No-Party ha evidenziato, ancora una volta, il vantaggio per l’operatore nello scegliere una procedura a fluoroscopia ridotta in quanto la sua esposizione radiologica viene significativamente ridotta.

In conclusione, lo studio No-Party è stato il primo studio multicentrico randomizzato che ha dimostrato come l’approccio a fluoroscopia ridotta si associ a una riduzione sostanziale dell’esposizione radiologica per il paziente e per l’operatore. Tale risultato determina di conseguenza una riduzione significativa del rischio associato di sviluppare una patologia tumorale nel lungo termine.

Bibliografia

Page RL, Joglar JA, Caldwel MA, et al. 2015 ACC/AHA/HRS Guideline for the Management of Adult Patients With Supraventricular Tachycardia. J Am Coll Cardiol 2015; S0735-1097

, , ,  et al. Near zerO fluoroscopic exPosure during catheter ablAtion of supRavenTricular arrhYthmias: the NO-PARTY multicentre randomized trial. Europace 2015 Nov 10. pii: euv344.

Ultimi articoli

Neuromodulazione nella sincope vasovagale: risultati clinici e prospettive future

In occasione del Congresso PLACE (Roma, 13-15 giugno 2024) abbiamo intervistato Leonardo Calò sull’utilizzo della neuromodulazione nella sincope vasovagale: quali sono i pazienti che ne possono beneficiare, quali sono i risultati nel medio e nel lungo termine e dove si collocherà nel prossimo futuro la neuromodulazione nella gestione del paziente con sincope vasovagale.

Leggi

Vuoi essere il nuovo Ambasciatore Italiano per l’EHRA Young Electrophysiology?

Se hai meno di 40 anni, sei membro EHRA e hai una buona conoscenza della lingua inglese invia il tuo curriculum vitae a segreteria@aiac.it entro il 15 luglio 2024.

Leggi

Elezioni dei nuovi Consigli Direttivi Regionali

Il mandato dei Consigli Direttivi Regionali e Interregionali 2022-2024 volge al termine. Le elezioni per il loro rinnovo…

Leggi