Questa sezione è realizzata grazie ad
un contributo non condizionato di

La selezione del paziente

La selezione del paziente

L’European Society of Cardiology (ESC)  ha incluso l’impianto di un S-ICD  nelle linee guida per la gestione delle aritmie ventricolari e la prevenzione della morte cardiaca improvvisa. In particolare, l’S-ICD ha ora una raccomandazione di Classe IIa per i pazienti indicati per l’impianto di un ICD che non hanno necessità di stimolazione antibradicardica, terapia di risincronizzazione cardiaca (TRC) o stimolazione antitachicardica (ATP), e una raccomandazione di Classe IIb per i pazienti difficili da trattare.

Di seguito, uno strumento utile a identificare i pazienti che possono trarre beneficio dall’impianto di un S-ICD


Automated Screening Tool

EMBLEM S-ICD Automated Screening Tool modello 2889 (AST) è un software utilizzato sul programmatore ZOOM LATITUDE modello 3120 per valutare l’idoneità dei pazienti all’impianto del sistema EMBLEM S-ICD. AST viene utilizzato esclusivamente per questo scopo e non può essere utilizzato per scopi diagnostici. Esso rappresenta un’alternativa al Manual Patient Screening Tool modello 4744, altro strumento per lo screening utilizzabile in modo indipendente o in associazione a AST.

Per utilizzare AST sono necessari:

  • un programmatore modello 3120 con applicazione software AST;
  • cavi esterni ECG compatibili con il programmatore modello 3120 e accessori associati (es. elettrodi e materiali per la preparazione della cute);
  • uno strumento per misurare 14 cm (può essere utilizzato il Manual Patient Screening Tool modello 4744);
  • una stampante esterna o un’unità di archiviazione collegata al programmatore modello 3120.

Per effettuare lo screening del paziente è necessario ottenere un equivalente superficiale dei vettori di sensing sottocutanei utilizzati dal sistema EMBLEM S-ICD impiantato. Il programmatore modello 3120 raccoglie quindi l’ECG di superficie mentre l’applicazione software AST valuta i complessi QRS per ciascuna postura del paziente esaminata.

Ultimi articoli

Pacemaker bicamerale: un’intramontabile terapia per la maggior parte delle bradiaritmie

Pietro Palmisano e Renato Ricci ripercorrono la storia dei pacemaker bicamerali per il trattamento delle bradiaritmie.

Leggi

Telemedicina, quali indicazioni dalla conferenza Stato-Regioni?

L'intervista a Gabriele Zanotto sul documento relativo alle indicazioni da adottare a livello nazionale per l'erogazione delle prestazioni in telemedicina.

Leggi

Gestione clinica dello storm aritmico: una revisione della letteratura

Una revisione della letteratura sulla gestione clinica dello storm aritmico, a cura dall’Area Ablazione della Tachicardia Ventricolare dell’AIAC.

Leggi