Impianto device

Linee guida aggiornate all’impianto di pacemaker, dispositivi per la resincronizzazione cardiaca, defibrillatori automatici impiantabili, registratori Holter impiantabili e all’utilizzo dei sistemi di monitoraggio remoto al fine di ottimizzare le risorse, minimizzare i follow-up ambulatoriali e di migliorare la compliance e la qualità di vita dei pazienti.


Linee guida AIAC all’impianto di pacemaker, dispositivi per la resincronizzazione cardiaca, defibrillatori automatici impiantabili - update 2011

Il gruppo di lavoro

Maurizio Lunati (chairman)
Massimo Santini (co-chairmen)
Maria Grazia Bongiorni, Giuseppe Boriani, Riccardo Cappato, Domenico Corrado, Antonio Curnis, Matteo Di Biase, Stefano Favale, Luigi Padeletti, Roberto Pedretti, Alessandro Proclemer, Renato Ricci, Paolo Spirito, Giuseppe Vergara

La linea guida

Testo completo (PDF: 590Kb)
Fonte: GIAC 2011; 14: 1-55

Realizzate grazie al grant di Biosense Webster

Note

Una revisione della precedente edizione era necessaria per molte ragioni:

  •  importanti studi hanno aumentato la nostra conoscenza della storia naturale di bradi- e tachiaritmie che possono essere trattate in maniera ottimale con impianto di dispositivi;
  • in questi ultimi anni c’è stato un cambiamento sostanziale della terapia dello scompenso cardiaco che oggi comprende sempre più spesso terapia farmacologica e dispositivi;
  • l’implementazione tecnologica viene sempre più in aiuto nella gestione delle comorbilità e nel follow-up del paziente aritmico o affetto da scompenso cardiaco.

In particolare, nel campo della terapia di resincronizzazione cardiaca, trattamento elettrico dello scompenso cardiaco con risultati talora sorprendenti, sono state implementate le indicazioni facendo seguito ai risultati dei recenti trial internazionali. È stato aggiunto un nuovo capitolo, dedicato all’utilizzo dei loop recorder, cioè dei registratori Holter impiantabili. Questi dispositivi sono particolarmente utili nelle sincopi ad eziologia indeterminata e nei pazienti con palpitazioni difficilmente documentabili con Holter tradizionali. Nelle nuove linee guida gli esperti pongono l’accento anche sugli attuali sistemi di monitoraggio remoto al fine di ottimizzare le risorse, minimizzare i follow-up ambulatoriali e di migliorare la compliance e la qualità di vita dei pazienti. I sistemi di telemonitoraggio permettono di visualizzare in ogni momento i dati attuali e pregressi dei dispositivi impiantati, rendendo possibile una rilevazione precoce di eventi aritmici o anomalie incipienti del sistema di stimolazione o defibrillazione cardiaca.


Linee guida AIAC all’impianto di pacemaker, dispositivi per la resincronizzazione cardiaca, defibrillatori automatici impiantabili – 2006

Il gruppo di lavoro

Maurizio Lunati (chairman)
Maria Grazia Bongiorni, Giuseppe Boriani, Riccardo Cappato, Domenico Corrado, Antonio Curnis, Matteo Di Biase, Stefano Favale, Luigi Padeletti, Roberto FE Pedretti, Alessandro Proclemer, Renato Ricci, Massimo Santini, Paolo Spirito, Giuseppe Vergara

La linea guida

Testo completo (PDF: 590Kb)
Fonte: GIAC 2005; 8: 1-57
Sintesi (PPT: 404 Kb)

Ultimi articoli

Blocco percutaneo del ganglio stellato per il trattamento dello storm aritmico: lo studio STAR

Lo storm aritmico è un'emergenza clinica con scarse opzioni terapeutiche. Lo studio STAR (STellate ganglion block for Arrhythmic stoRm), è un importante studio multicentrico italiano, i cui risultati sono stati recentemente pubblicati sull’European Journal of Cardiology, sulla sicurezza e l’efficacia del blocco percutaneo del ganglio stellato nel trattamento dello storm aritmico.

Leggi

Apixaban per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale subclinica: lo studio ARTESIA

Recentemente pubblicati sul NEJM i risultati dello studio ARTESIA, trial clinico sul beneficio della terapia anticoagulante orale nei pazienti con fibrillazione atriale subclinica di breve durata e asintomatica per la prevenzione dello stroke.

Leggi

Ablazione della fibrillazione atriale parossistica: elettroporazione, radiofrequenza e crioenergia a confronto

L’elettroporazione (PFA) per la cura delle aritmie è recentemente emersa come nuova tecnica ablativa in grado di colpire selettivamente il tessuto cardiaco senza utilizzare una energia “termica”. Nell'articolo recentemente pubblicato di Della Rocca et al. è stata studiata una popolazione real-world di pazienti con fibrillazione atriale ed eseguita una analisi “propensity-score-matched” confrontando PFA, radiofrequenza e crioenergia.

Leggi